Telefono Azzurro, l’associazione giunta all’importante traguardo dei 30 anni di attività e che dal 1987 difende i diritti dell’infanzia
07/11/2017 – 20:42 | No Comment

Servizio civile nazionale 2017 telefono azzurro: il bando scade il 20 novembre. Iscrizioni aperte a Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Roma e Torino L’associazione da 30 anni attenta al rispetto dei diritti dei bambini e degli adolescenti, seleziona volontari per il progetto “Dico no al Bullismo”.

Read the full story »
Culture-Cultura

Migration-Migrazione

Youth-Giovani

Women-Donne

Turismo a Sao Nicolau

Per chi volesse girare con curiosità l’isola, preferibilmente a piedi, è indispensabile una buona carta geografica

Home » Cape Verde-Capo Verde

Progetto “AMICI DI ADRIANA”

Submitted by on 07/02/2016 – 16:45No Comment
Progetto “AMICI DI ADRIANA”

Adriana e i suoi quattordici bambini – Agua das patas, isola di S. Nicolau, Capo Verde.

Parliamo di una gentile signora, di “Adriana sempre sorridente”, anche in mezzo all’ultimo disastro causato dal tornado Fred che nel mese di agosto del 2015, le ha distrutto la cucina e ha abbattuto quasi tutti gli alberi da frutta, soprattutto i banani, la canna da zucchero e le papayere, salvando solo i grandi alberi di mango e la manioca.

Il fatto è particolarmente grave, perché è soprattutto da Adriana che dipendono le sorti dei 14 ragazzini e ragazzine che vivono con lei. La più piccola ha pochi mesi, i più grandi appena 12 anni, in parte nipoti, in parte figli di vicini che non sono in grado di accudirli.

La casa di Adriana, immersa nel verde e tra i mille fiori che coltiva, è però molto mal ridotta e il tornado ha aggravato la situazione. Distrutta la cucina, ora si prepara il cibo su un focherello con tre pietre a reggere la pentola, come si faceva anticamente. Adriana, sempre sorridente, è però serena e fiduciosa, e intanto lavora duramente nel terreno dove vive in regime di mezzadria, aiutata anche dai bambini quando tornano da scuola.

Con Adriana ci siamo incontrati più volte, parlando delle possibilità di migliorare la sua situazione, cioè la vita di queste giovani creature.

Primo punto, la casa. Un preventivo è già stato richiesto a una ditta locale per sistemare la costruzione fatiscente, dove intanto dormono tutti ammucchiati, con il soffitto che cade a pezzi, con il bagno esterno privo di copertura e la cucina oramai completamente distrutta (per altro, con il tetto in eternit).

Noi di Tabanka abbiamo deciso di aiutarla e ci siamo impegnati a raccogliere 5mila euro, somma necessaria a realizzare i lavori fondamentali di ristrutturazione.

Iniziamo ora la raccolta, e coinvolgiamo tutti, amici di sempre e sostenitori dell’ultima ora, per dare un luogo decente di vita a questa vivace e colorata comunità di bambini. Diciamo “vivace” perché la maggior parte, dopo la scuola, si esercita nell’imparare a danzare e a suonare il tamburo, strumento fondamentale in tutte le feste dell’anno. E i progressi sono evidenti e innegabili.

Ricordiamo che in fondo anche il mare è la somma di tante gocce…

 

Vi comunichiamo l’IBAN della nostra associazione:

Conto Tabanka onlus presso Banca Credito Artigiano,

IT 10 B05216 03229 000000008679

 

Manderemo dettagliato resoconto per una completa trasparenza.

 

foto_1

Adriana e parte della sua “famiglia” nel cortile di fronte a casa.

 

foto_2

Il soffitto di una stanza in pericoloso disfacimento.

 

foto_3

La cucina distrutta e la nuova sistemazione del focolare a tre pietre.

 

foto_4

L’interno della cucina distrutta dal tornado.

 

foto_5

Allegria di Adriana e dei bambini al suono del tamburo in preparazione della festa di Kolà Sanjon.

 

foto_6

Quattro bambine che fanno parte dei quattordici “figli” di Adriana.

Comments are closed.